• Home
  • News
  • Movimento della Speranza - Convegno Cattolica

News

Intervista a Paola Giovetti: Movimento della Speranza

Spiritualità, crescita interiore, vita dopo la morte. Il convegno annuale Movimento della Speranza si è concluso dopo tre giorni di lavori tra relatori d'eccezione, seminari, approfondimenti sul mondo della parapsicologia, tavole rotonde sui contatti extradimensionali e medianici.

Abbiamo parlato di questo viaggio nel mondo del paranormale con Paola Giovetti, giornalista e scrittrice specializzata nel settore e curatrice della manifestazione assieme a Edda Cattani.

- Che cosa ha rappresentato questa 33° edizione per il Movimento della Speranza?

Beh direi che ha rappresentato un bel traguardo, perché mai avrei pensato che ci saremmo arrivati. Mi spiego, quando abbiamo organizzato il primo convegno sia per noi che per chi ci seguiva allora, è stata una grandissima sfida. Il successo di pubblico, i tanti commenti positivi e ringraziamenti nel corso degli anni hanno dimostrato che questa manifestazione ha guadagnato un suo ruolo ben preciso, contraddistinto da serietà, cordialità e corretta informazione.

- Com'è cambiata la manifestazione dalla sua nascita a oggi?

Il Convegno è nato come incontro tra genitori che avevano perso i figli ed esperti dei temi del paranormale e della medianità. Negli anni le tematiche si sono ampliate - senza rinunciare al ruolo di conforto – trattiamo ora anche altri temi legati sempre alla spiritualità e alla crescita interiore. I temi portanti che indaghiamo restano sempre la vita oltre la morte, il contatto con l’aldilà, la scrittura automatica, le capacità medianiche e come svilupparle. Queste tematiche si sono allargate alla meditazione e, ad esempio, la lettura dell’aura. In questa edizione si è parlato in particolare anche di grafologia, di messaggi nei sogni, di Santiago de Compostela come luogo dell’anima.

- Quali sono le aspettative del pubblico che ogni anno si riunisce a Cattolica?

Il pubblico attende tre giorni di full immersion nel mondo del paranormale e della spiritualità, incontri con esperti, con soggetti dotati di medianità e “seconda vista”, con psicologi di larghe vedute, maestri di meditazione, ricercatori. Attende quindi l’opportunità di allargare orizzonti e stimoli per il proprio cammino interiore.

- Quali sono le novità dal mondo della parapsicologia?

Più che di novità parlerei di approfondimenti. Il fenomeno più nuovo nell’ambito delle ricerche sul paranormale è quello della registrazione delle voci di origine ignota, cioè la psicofonia o metafonia che viene indagato da esperti di impostazione scientifica. La ricerca si dedica molto ad aiutare le persone ad andare al di là del quotidiano e ad esplorare anche ciò che supera i cinque sensi.


Intervista a cura di Mara Morini

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design

edmed orange 70

 

Print Friendly, PDF & Email