Dante e la Gnosi

Sconto 15%
L'avere relegato l'opera complessiva di Dante nelle storie della letteratura non rende giustizia al "sommo poeta”, del quale a ragione è stato detto che è "il padre della lingua italiana" ...Altre informazioni
€ 12,91€ 10,97


  • Specifiche
  • Scheda
  • Recensioni
  • Invia una recensione
L'avere relegato l'opera complessiva di Dante nelle storie della letteratura non rende giustizia al "sommo poeta”, del quale a ragione è stato detto che è "il padre della lingua italiana"L'avere relegato l'opera complessiva di Dante nelle storie della letteratura non rende giustizia al "sommo poeta”, del quale a ragione è stato detto che è "il padre della lingua italiana". Vi sono, infatti, nella sua opera straordinaria, aspetti ancora inesplorati, che riguardano il suo contenuto di dottrina. Per certi versi, nonostante l'innumerevole quantità di libri che gli sono stati dedicati, l'autore ancora oggi può essere definito: Dante, questo sconosciuto. La maggior parte della critica, per ragioni diverse, si è dimostrata riluttante a prendere in considerazione, in manira sistematica, la possibilità che nell'opera di Dante sia presente, anche se dissimulata, una dottrina filosofico-religiosa eterodossa. Gli scritti di coloro che hanno sostenuto questa possibilità non hanno meritato neanche una vera e propria confutazione, ma semplicemente uno sdegnato rigetto. Adriano Lanza si inscrive decisamente tra coloro che sostengono la tesi della eterodossia religiosa di Dante. Con questo suo saggio sul Convivio vuol gettare uno scandaglio in questa direzione, proponendo dell'opera di Dante una lettura nuova, impregiudicata, che fornisca inedite aperture di senso. In particolare, egli ritiene che la più ampia e approfondita conoscenza di quella che è stata chiamata la Gnosi eterna (H. Cornèlis-A. Léonard), che ci vengono fornendo gli studiosi della materia, possa schiudere, con nuovi strumenti, l'accesso al contenuto esoterico dell'opera dantesca, dalla Vita Nuova al Convivio alla Commedia. A suo giudizio, il più profondo significato dell'opera di Dante può essere colto quando essa sia letta come la trascrizione di una esperienza personale, attraverso la quale, in virtù di una illuminazione rigeneratrice, al di là di ogni struttura istituzionale, dalla alienazione nel mondo l'anima è restituita alla sua condizione originaria, alla salvezza. In ciò sta l'attualità perenne di Dante.
Adriano Lanza
9788827207345
232
15x21
ESOTERISMO
Nato e vive a Roma. Qui si è laureato in Lettere e Filosofia con una tesi sul pensiero di Leopardi, nella quale l'attualità di quel pensiero veniva messa in parallelo con la visione propria agli gnostici antichi. Da allora i suoi interessi sono rimasti orientati verso la ricerca filosofico-religiosa al di fuori di ogni chiusura confessionale. Nell'immediato dopoguerra ha collaborato alla rivista "il Contemporaneo) di Ugo Guanda. Ha tenuto la segreteria del I Congresso per la riforma religiosa in Italia (Roma, 1948) e ne ha curato la pubblicazione degli Atti. Ha pubblicato il saggio "Regno di Dio e riforma religiosa". Ha esercitato attività d'insegnamento in Italia e all'estero, accompagnata da pubblicazioni destinate alla scuola. I suoi interessi, rivolti specialmente al filone della religiosità di tipo gnostico in Occidente, lo hanno portato ad una rilettura in chiave esoterica dell'opera di Dante.
Recensioni dei lettori
Ancora nessuna recensione: manda tu la prima!
Devi essere registrato per inviare una recensione.
Effettua il Login nell'apposito modulo oppure Registrati come nuovo utente.

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design

edmed orange 70

 

Print Friendly, PDF & Email