Vendita online di libri • parapsicologiaesoterismoalchimia • filosofie orientali • astrologia • yoga •  meditazione • crescita interiore • medicine alternative • arti marzialisport

Il favorito degli dei

Sconto 15%
Tin Pan Alley, "la strada delle padelle di latta";così fu soprannominata la 28ma Strada di Manhattan quando, agli inizi del secolo ...Altre informazioni
€ 11,36€ 9,66


  • Specifiche
  • Scheda
  • Recensioni
  • Invia una recensione
Tin Pan Alley, "la strada delle padelle di latta";così fu soprannominata la 28ma Strada di Manhattan quando, agli inizi del secolo

Tin Pan Alley, "la strada delle padelle di latta";così fu soprannominata la 28ma Strada di Manhattan quando, agli inizi del secolo, vi si trasferirono i più importanti Editori di musica popolare. Qui, fra gli accordi dissonanti di centinaia di pianisti al lavoro, si verificò un evento fondamentale nella storia della canzone americana: i compositori cominciarono ad arrangiare i loro spartiti secondo i ritmi e gli schemi melodici del jazz, la musica degli afro-americani. L'artefice principale di questo mutamento fu indubbiamente George Gershwin. Nato a New York nel 1898 da genitori di origine russa immigrati in America, cresciuto nell'East Side, Gershwin percorse una parabola da meteora: raggiunse la fama e la ricchezza giovanissimo, fu riconosciuto in vita come il più grande musicista americano, morì all'apice della sua popolarità a trentotto anni. «... quando un uomo muore prima del tempo, condanna coloro che rimangono e che l'hanno amato, a parlare di lui per sempre. I ricordi degli altri vengono confrontati con i propri, fanno nascere nuovi ricordi, e ognuno dei superstiti continua a raccontare, a cercare, come a voler cavar fuori tutto il possibile dal breve spazio vissuto da quella persona, come a voler esorcizzare il rimpianto di averla goduta o amata troppe poco ...». Ed è proprio questa la struttura della biografia "immaginata" da Furio Bordon: un’intrecciarsi di voci, un accumulo di ricordi talvolta contrastanti, una polifonia di testimonianze "inammissibili" rese da persone che conobbero o che "avrebbero potuto conoscere" George Gershwin.

Furio Bordon
9788876921834
167
12x19
NARRATIVA
Biografie, musica

Furio Bordon è triestino. Regista e autore teatrale, ha scritto numerosi testi, realizzati sulla scena, in radio e in televisione. Nel cinema ha lavorato come soggettista e sceneggiatore con Valerio Zurlini. Ha pubblicato due romanzi: Giochi di mano (Mondadori, 1974) e Il canto dell'orco (Longanesi, 1985). Collabora alla terza pagina del «Messaggero» di Roma.

Recensioni dei lettori
Ancora nessuna recensione: manda tu la prima!
Devi essere registrato per inviare una recensione.
Effettua il Login nell'apposito modulo oppure Registrati come nuovo utente.

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design

edmed orange 70

 

Print Friendly, PDF & Email