Simbolo e simbolica

Sconto 15%
L’esperienza di un secolo ha mostrato che, malgrado il gran numero di documenti venuti alla luce e lo sforzo compiuto per penetrare nel pensiero dell’Egitto faraonico, vi è un gran numero di cose senza senso nella traduzione dei testi; un mistero completo sussiste sul reale significato, e sulla ...Altre informazioni
€ 19,50€ 16,58


  • Specifiche
  • Scheda
  • Recensioni
  • Invia una recensione

L’esperienza di un secolo ha mostrato che, malgrado il gran numero di documenti venuti alla luce e lo sforzo compiuto per penetrare nel pensiero dell’Egitto faraonico, vi è un gran numero di cose senza senso nella traduzione dei testi; un mistero completo sussiste sul reale significato, e sulla ragione, di questa opera colossale edificata per duemila chilometri lungo il Nilo. Penetrare nello spirito di un’epoca o nel senso segreto di testi è possibile solo tramite la simbolica.

R.A. Schwaller de Lubicz
9788886495394
120
20 disegni
17x24
ESOTERISMO, STORIA
Archeologia, Architettura, Arte, Egitto, Simbolismo, Misteri

René Adolphe Schwaller de Lubicz (Asnières, 30 dicembre 1887 – Grasse, 7 dicembre 1961) è stato un egittologo e esoterista francese. È figlio di un farmacista di origine svizzera tedesca, Joseph Adolphe Schwaller si laurea in ingegneria chimica. Tra il 1908 e il 1911 frequenta lo studio di Matisse ove conosce quella che diventerà poi la sua prima moglie, Marie Marthe Essig, che gli darà un figlio, Guy. Tra il 1913 e il 1919 frequenta la società teosofica per la quale terrà diverse conferenze. Eredita dall'amico poeta lituano Oscar Venceslas de Lubicz Milosz il diritto di far uso del nome de Lubicz, si sposa con una sua discepola, Isha autrice anche lei di diversi libri. Fonda il 19 luglio del 1920 il gruppo dei Les Veilleurs, i Veglianti, fra le loro molteplici attività i Veilleurs salvano dalla demolizione la casa di Balzac, possiedono inoltre una scuola, un asilo nido, un centro agricolo, un insieme di studi artistici e di laboratori artigianali di ceramica, vetrate artistiche, arazzi e un centro di solidarietà sociale. L'esperienza dei veilleur dura però poco più di un anno. Trasforma la rivista «Le Theosoph» in «L'Affranchi». Successivamente a St. Moritz in Svizzera, dà vita alla "Stazione Scientifica Suhalia", ispirata al Goetheanum del fondatore dell'antroposofia (Rudolf Steiner). Nel 1934 si reca a Palma di Maiorca per studiare i manoscritti di Raimondo Lullo rinomato maestro di Alchimia. Nel 1939 si porta in Egitto e dà alle stampe: Le Temple dans l'homme (1949); Du Symbole et de la Symbolique (1951); Propos sur Esoterisme et Symbole (1960); Le Roi de la Teocratie Pharaonique (1958); Le miracle egyptien (1963); Les Temples de Karnak e infine Le Temple de l'homme (1957). Scompare nel 1961.

Recensioni dei lettori
Ancora nessuna recensione: manda tu la prima!
Devi essere registrato per inviare una recensione.
Effettua il Login nell'apposito modulo oppure Registrati come nuovo utente.

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design

edmed orange 70

 

Print Friendly, PDF & Email