EdizioniMediterranee Ribbon ScontoLarge

Eventi

Autobiografia spirituale di J. Evola - presentazione a Milano

autobiografia spirituale Il Gruppo editoriale Edizioni Mediterranee
Hermes Edizioni, Arkeios e Studio Tesi
è lieto di presentare
l'autobiografia spirituale di Julius Evola

Venerdì 31 maggio ore 18.30
Spazio Ritter
via Maiocchi 28 - Milano

intervengono
Andrea Scarabelli, curatore del volume
Luca Siniscalco, fondazione J. Evola

- ingresso libero -


Nel libro Autobiografia Spirituale si completa e integra la personalità di Julius Evola: Maestro dell’Impersonalità Attiva, Julius Evola ha sempre parlato pochissimo di sé. Basta leggere la sua autobiografia, Il Cammino Del Cinabro (1963), pensata più che altro come una guida alle opere di Evola. Questione di equazioni personali, come lui stesso amava ripetere… Tuttavia, gli scritti raccolti nella Autobiografia Spirituale sfuggono a questa norma, integrando e completando quanto si legge nel Cammino Del Cinabro.

Nelle due lunghe interviste risalenti al 1969 e al 1971, tradotte per la prima volta in italiano dal francese, sollecitato dai suoi interlocutori, Evola spazia con gran disinvoltura dalle letture giovanili agli studi di matematica, dal futurismo al dadaismo, dai suoi rapporti con Guénon al confronto tra le proprie opere. Non mancano nemmeno piccoli ritratti, come quelli di Marinetti ed Ezra Pound, nonché analisi critiche di fascismo e nazionalsocialismo. A emergere è soprattutto lo spirito di un uomo indipendente, allergico alle camarille del potere e agli intrighi di palazzo, che sopra ogni altra cosa teneva alla propria libertà interiore.

Corredano le interviste tre articoli usciti – sotto pseudonimo – sulla rivista Ur alla fine degli anni Venti, dedicati alla crisi che condusse il giovane filosofo sull’orlo dell’abisso, da cui riuscì a salvarsi per miracolo, come lui stesso dice, facendo luce su uno degli episodi più enigmatici della sua vita.
Oltre alle note e alle bibliografie, arricchiscono questa edizione due saggi di Andrea Scarabelli e Alessio de Giglio, una presentazione di Gianfranco de Turris e una selezione di scatti tratti dalle due interviste televisive.

Evola artista - presentazione alla libreria Mondadori - piazza Duomo Milano

teoria pratica avanguardia Il Gruppo editoriale Edizioni Mediterranee
Hermes Edizioni, Arkeios e Studio Tesi in collaborazione con la Fondazione Evola e la libreria Mondadori
è lieto di presentare
l'opera omnia artistica di Julius Evola

Giovedì 13 giugno ore 18.30
Libreria Mondadori
piazza Duomo 1 - Milano

- ingresso libero -

Teoria e pratica dell'arte d'avanguardia
manifesti, scritti teorici, poesie, lettere e pittura
con le riproduzioni anastatiche di Arte Astratta, La parole obscure du paysage intérieur e del catalogo della mostra Der Sturm (Berlino 1921)

Introduzione di Angelo Crespi
interverranno:
Guido Andrea Pautasso

Andrea Scarabelli

Francesco Tedeschi


Un volume, frutto di anni di lavoro, che riunisce per la prima volta tutta insieme l'opera artistica di Julius Evola (1898-1974) come teorico dell’arte d’avanguardia, poeta e pittore in modo da fornire ai semplici lettori, agli specialisti e ai critici italiani e stranieri quanto in precedenza era disperso e introvabile, fornendo così un’immagine finalmente completa e totale dell’Evola artista. L'opera è arricchita da numerose fotografie, manifesti, copertine di libri e riviste.


I codici del cambiamento - Libreria Ibis esoterica a Bologna

Codici cambiamentoPresentazione del volume e incontro con l'autore Carlo Bozzelli
Libreria Ibis esoterica
via Castiglione 11/b - Bologna

tel. 051 239818 | @ info@ibisesoterica.it
visita il sito della libreria

Nel libro di Carlo Bozzelli vengono analizzati e confrontati due tra i più antichi testi di saggezza tradizionale: l’I Ching e i Tarocchi. Entrambi custodiscono, nella loro matrice codificata, una segreta conoscenza sul DNA e i suoi meccanismi.
Un numero sempre più elevato di studi scientifici ipotizza che il DNA sia una vera e propria lingua che, svolgendo funzioni di meta-comunicazione simili a quella di un’antenna ricetrasmittente, risponde a diversi tipi di frequenze, tra cui quelle del linguaggio e dell’attitudine umani.
Gli ultimi duecento anni della nostra Era sono stati caratterizzati da una forte pressione materialistica che ha penetrato ogni strato della nostra cultura. La competenza scientifica, trasformata in disciplina sempre più focalizzata sulle leggi del mondo fisico, ha prodotto risultati di enorme valore. Tuttavia da sola non sembra essere stata in grado di soddisfare gli interrogativi di natura esistenziale.
Questo perchè il ruolo che il moderno materialismo sta giocando globalmente nel mondo sviluppato sembra essere, almeno in parte, uno dei fattori alla base delle forme depressive che oggi affliggono così tanti individui. Questa scissione esteriore è rappresentata perfettamente dalla dicotomia scienza e spiritualità. Tale frattura trova corrispondenza anche nel nostro universo interiore, in cui uno dei piani di coscienza più frequentemente esclusi dal sentire comune è la cosiddetta mente contemplativa.

La mente contemplativa, fisiologicamente collegata all’emisfero destro, può essere definita quella parte di noi dotata di capacità di percezioni totalmente ignorate dall'emisfero sinistro, area connessa all’inclinazione analitica. La mente contemplativa, infatti, non si sente minacciata dall’assenza di risposte logiche rispetto ai grandi temi dell’esistenza perché non è influenzata dal riduzionismo razionale proprio dell'emisfero sinistro.
L'emisfero destro rappresenta il terreno dell’essere per il mistico e opera con modalità lontane dal tipico approccio lineare orientato allo scopo: se l’attitudine analitica è in grado di descrivere e studiare le esperienze, quella contemplativa, che risponde a ciò che non è visto, né evocato dai sensi, contatta la “viva presenza” all’interno dell’esperienza stessa.

Sulla base di queste premesse si sviluppa lo spirito del presente saggio che, attraverso la confluenza di queste due sponde dell’essere, cerca di promuoverne una sintesi che è auspicabile e attuabile. Sviluppare tutte le potenzialità della nostra natura, in forma adeguata e coerente, significa nutrire e sostenere il centro della nostra personalità e anche entrare direttamente in contatto con una dimensione superiore, più elevata e sottile ancestralmente definita il regno dell’anima.
Sul piano simbolico, infatti, i 64 esagrammi del Libro dei Mutamenti e i 22 Arcani Maggiori del Tarot si rivelano essere, rispettivamente, i corrispettivi delle 64 triplette genetiche e dei 22 aminoacidi che, sul piano biologico, governano la costruzione delle proteine, le molecole base della vita. In particolare, dalla loro interazione emerge l’esistenza di strutture definite Codici del Cambiamento o iCodeche, in qualità di centri funzionali della coscienza, serbano le chiavi delle dinamiche interiori di ogni essere umano.

Il rivoluzionario lavoro di Bozzelli, dunque, offre un’audace prospettiva sul contenuto dell’I Ching e del Tarot. Contenuto che, paragonabile a una tecnologia innovativa espressa da archetipi che si trasformano in Parole Chiave, cioè vibrazioni, consente di compiere una mirabile trasmutazione evolutiva lungo il personale cammino dell’esistenza.

Laboratorio: 5°chakra - yoga, musicoterapia e aromaterapia

massaggio sonoro NEmassaggio sonoro olidanzaLaboratorio per l’equilibrio del 5° chakra nella yurta
con lo yoga, la musicoterapia e l’aromaterapia

Il laboratorio si svolgerà in una bellissima yurta (tipica abitazione mongola) posizionata sulle colline sopra Civitavecchia con la vista del mare. Si trova in via del Casaletto rosso 2 km dopo il campo da rugby. È previsto un punto di raccordo alle ore 9:30 alla stazione F.S. di Civitavecchia.

Attraverso una pratica completa di hatha yoga, utilizzeremo kriya (purificazioni), bandha (chiusure e conseguenti aperture), mudra (sigilli), mantra (canti vedici), asana (posizioni del corpo), pranayama (tecniche di controllo del respiro), rilassamento profondo e meditazione al fine di riequilibrare vishuddha chakra, il centro della comunicazione e dell’ascolto.
Sperimenteremo il suono delle campane tibetane concentrandoci nei particolari obiettivi del laboratorio. L’integrazione delle campane tibetane con le vibrazioni degli oli essenziali ci sarà di grande aiuto. La nostra voce, in maniera semplice e sapiente ci aiuterà ad armonizzare il sistema dei chakra nel suo insieme.
Utilizzeremo in differenti modalità applicative degli specifici oli essenziali per l’equilibrio del 5° chakra:

    La mirra: ha la qualità di curare le ferite, regala armonia alla sfera spirituale, dona forza.
    L’eucalipto: ha un forte potere balsamico, stimola la chiara visione delle leggi della vita.
    Il geranio: favorisce un’atmosfera armoniosa e aiuta nei problemi di comunicazione.

La conduzione è a cura di Mauro Pedone e Sergio Starace.
Mauro Pedone: saggista, musicoterapeuta e ricercatore, lavora dalla metà degli anni Ottanta nel mondo delle cure naturali, studiando e praticando tecniche per l’armonia dell’uomo nell’ambiente. E’ docente della Flora-Primavera per i corsi di Aromaterapia.
Sergio Starace: insegnante di yoga per adulti e bambini, operatore olistico di massaggio sonoro con campane tibetane ed oli essenziali, diplomato in cristalloterapia nella teoria del campo eterico umano della Maestra Fufi Sonnino.
Per maggiori informazioni, costi e prenotazioni visita il sito lavocedelcarro.it