Il cuore degli alberi

L’olivo, la quercia, l’acacia
Una trilogia simbolica, mitica e ancestrale

Perché un’opera sugli alberi? Semplicemente poiché da quando esiste il mondo l’uomo ama la foresta e i boschi al punto da aver spesso fatto dell’albero un emblema: albero di vita, albero della libertà, albero genealogico, albero di Natale... La scelta di un albero o di un arbusto come supporto ai simboli religiosi, politici o morali è sempre stata e resta in uso in numerose società antiche e moderne. Al di là di tutti i rituali, di tutte le credenze e delle superstizioni, l’albero è indispensabile all’equilibrio della natura e alla sopravvivenza del pianeta. Con le radici, il fusto e i rami, collega i tre piani del mondo: il cielo, la terra e il mondo sotterraneo. Simbolo di vita e perpetua evoluzione, rappresenta la potenza vegetativa, animale e spirituale che anima il cosmo, incarna la vita inesauribile, la realtà assoluta, il sacro per eccellenza. Concentra le idee di fecondità, opulenza, salute, immortalità o di eterna giovinezza. Studiare gli alberi, sentirli, ascoltarli, amarli, vuol dire partecipare attivamente alla vita e alla rigenerazione dell’universo. La loro potenza o la loro fragilità sono pure le nostre.

Il grande libro dell'ecodieta

Il Grande Libro dell'Ecodieta, di Carlo Guglielmo

Dal dialogo tra la scienza moderna e l’antica dialettica yin-yang, nasce una nuova visione della salute, più fluida ed in sintonia con la natura. La prima parte del Grande Libro dell’Ecodieta di Carlo Guglielmo contiene un’appassionante esplorazione delle origini dell’alimentazione umana, un’esauriente presentazione degli studi scientifici sugli effetti dei vari alimenti, ed una chiara introduzione al metodo yin yang.

La seconda parte del libro è dedicata ad illustrare il modello alimentare più adatto a favorire il nostro benessere, ed il modo di adattarlo alle nostre caratteristiche e necessità personali. Il testo raccoglie trent’anni di esperienza nel campo dell’alimentazione naturale sintetizzati in un’opera destinata sia alla persona comune interessata a migliorare la propria alimentazione, sia al medico aperto a nuove prospettive di conoscenza ed intervento a favore dei propri pazienti.

“Questo libro offre al medico occidentale e al suo paziente una visione alternativa su come equilibrare la dieta, e agli scienziati uno stimolo per sperimentare nuovi modi di studiare la relazione fra cibo e salute. (...) La gente vuole sapere, ma non ha i mezzi per orientarsi in un oceano informativo, infestato di sirene e di pescecani, dove è costretta a navigare senza bussola. Il libro non ha l’ambizione di fornire una bussola, ma almeno qualche istruzione per orientarsi con le stelle”. (Dalla prefazione del Dott. Franco Berrino)

recensione su www.vegolosi.it

Il vero potere dell'acqua

Questo quarto volume dello scienziato giapponese Masaru Emoto, rappresenta un ulteriore passo verso la conoscenza delle straordinarie potenzialità nascoste nell'acqua. In termini di elementi, possiamo affermare che noi siamo acqua, eppure finora essa non è stata quasi studiata e, forse, il motivo per cui non capiamo le altre persone – afferma l'Autore – è proprio perché non conosciamo la nostra essenza. Beviamo acqua senza prestare molta attenzione ad essa; sappiamo che è importante per mantenere le funzioni vitali ma raramente l'apprezziamo con consapevolezza. Nella sua nuova opera Emoto esplora alcuni quesiti e temi di riflessione, come per esempio:

  • Quanto seriamente pensiamo alle caratteristiche dell'acqua?
  • Siamo consapevoli che l'acqua che beviamo ha il potere di migliorare la nostra salute e la nostra vita?
  • Sappiamo che la nostra consapevolezza è in grado di modificare l'acqua? Quando comunichiamo all'acqua la nostra gratitudine, la sua qualità migliora.

Quando invece la ignoriamo, la sua qualità peggiora. L'Autore ci invita a studiare sempre più a fondo l'acqua e a prestarle attenzione: impareremo di più su noi stessi. Più conoscemo l'acqua, più chiaramente vedremo noi stessi. Più ci conosceremo, più vedremo con chiarezza la società, la nazione, il mondo, il pianeta e persino dio.

In viaggio con l'arcangelo

Prefazione di Guido Ceronetti

Il racconto di un viaggio che si snoda dalle foreste dell’Amazzonia all’isola greca di Simi, dalle Azzorre alla Patagonia cilena. Un itinerario che si intreccia con un percorso interiore ritmato da uno stillicidio di coincidenze, sincronie, destini incrociati, costantemente segnati da una presenza, quella dell’Arcangelo Michele. L’Autrice, essendo sostanzialmente laica, nella sua narrazione ha dato un ruolo da protagonista alla “voce della ragione” per non perdere mai di vista il rigore razionale, l’ironia e l’autoironia ed evitare la deriva nelle lande fascinose ma infide dell’Inconscio e del Mistero. Anche dopo la scrittura di questo libro sono continuati gli incontri nei quali c’è lo zampino dell’Arcangelo Michele che sembra essere la guida e il fulcro di un processo planetario già in corso, teso a favorire un salto di qualità della coscienza collettiva, un passaggio epocale a dimensioni spirituali più alte e complesse. Una svolta che probabilmente non riguarderà l’umanità nella sua interezza ma una minoranza peraltro consistente che si è andata preparando in questi decenni ed è ora pronta a questo innalzamento di vibrazioni energetiche e di stati di coscienza. Ogni essere umano è libero di percorrere tale strada, di abbandonarla, di ignorarla, di compiere un percorso inedito, del tutto personale. È una scelta di crescita interiore alla portata di tutti, una delle pochissime non mutilata da condizioni sociali ed economiche vacillanti o negative.

James Hillman

Libro JAMES HILLMAN IL CAMMINO DEL FARE ANIMA E L'ECOLOGIA PROFONDA, Selene Calloni Williams

Noi siamo vittime delle teorie ancor prima che vengano messe in pratica

L'Autrice Selene Calloni Williams apre con le parole del suo maestro il libro James Hillman Il Cammino di Fare Anima e l'Ecologia Profonda. Ecco perché in questo libro tutto è esperienza: l’esperienza stessa del “fare anima” e dell’ecologia profonda, che conducono in un cammino che trasforma paure e limiti nel “fuoco psichico” della grande energia creativa e dona il potere della visione immaginale. “Fare anima” ha un effetto curativo, salutare e vivificante. Tuttavia non è terapia: è stare dalla parte dei sogni, delle ombre, degli avi, è stare dalla parte del daimon, il lato invisibile delle cose. Significa stare con le immagini dell’anima, con gli eidola, gli dèi, e da lì, da quella prospettiva, guardare all’Io e ai suoi bisogni. Stare nel sacro, nella capacità di darsi e nel piacere, nel fuoco, nel calore psichico, nella beatitudine di cui questo darsi è fonte.

Queste pagine raccolgono la saggezza di un insigne maestro dei nostri giorni. James Hillman (1926-2011) ha parlato di un grande segreto di libertà, riscatto ed emancipazione. Selene Calloni porta la sua voce a tutti in un modo straordinariamente semplice, accessibile da chiunque, eppure capace di rendere il messaggio originario con inalterata profondità. Ma non solo, nel corso delle pagine il messaggio di Hillman si confronta con i grandi segreti dei culti dei misteri sciamanici dell’Asia, che l'Autrice studia da oltre trent’anni… E così impariamo che possiamo trovare la nostra via che porta fuori dalla sofferenza ed esistere nella gioia, proprio ora.

Un libro raccomandato a tutti coloro che pensano che la realtà sia molto di più di ciò che gli occhi possono vedere. Il testo è arricchito da un articolo inedito di James Hillman e da un DVD che riporta un eccezionale documentario dal titoloL’esperienza sciamanica e la psicologia archetipica nel quale le tradizioni di tribù animiste, degli sciamani della Mongolia, della Siberia, dell’Argentina, della Birmania e dei sufi dell’Iran vengono messe a confronto con la visione immaginale della psicologia archetipica.

Leggi la recensione di Ugo Leonzio 

Guarda la presentazione su YouTube

Intervista a Selene Calloni Williams per RSI Rete Uno

L'acqua che guarisce

Questo libro suggerisce una nuova comprensione dell’elemento originario acqua. Jürgen Fliege è in Germania un amato parroco televisivo e Masaru Emoto il famoso scienziato giapponese; un uomo della parola e un uomo dell’immagine - due culture che non potrebbero essere più differenti - e tuttavia, da strade diverse, sono giunti a identiche conclusioni. In questo libro si sono incontrati e raccontano delle loro personali esperienze con l’acqua, come essa ha configurato la loro vita e quello che ha insegnato loro. Che cosa sanno queste due persone dell’acqua e della sua forza terapeutica? Seguiteli nel loro viaggio di scoperta attraverso le nuove dimensioni di questo antichissimo elemento. Ammirate con stupore le immagini che parlano delle inattese e sorprendenti capacità dell’acqua. Imparate a mettere in pratica queste conoscenze, per il benessere vostro e della terra. Lasciatevi incantare e guarire. “Vogliamo fornire anche a voi un nuovo accesso al meraviglioso elemento acqua, capace di produrre miracoli’: questo Jürgen Fliege, Masaru Emoto e gli altri autori augurano a tutti i lettori.

L'Insegnamento dell'acqua

Un ulteriore volume con nuove, affascinanti immagini di cristalli d’acqua che, come mandala, invitano a sognare, a meditare e che sollecitano l’acqua che è in noi a vibrare in risonanza. Seguiamo Masaru Emoto nel microcosmo dei cristalli d’acqua, che sono uno specchio dello stato del macrocosmo, e diveniamo attenti all’acqua viva che è dentro di noi e nel mondo. Un libro con straordinari testi e immagini, che inducono a meditare e aprono nuovi orizzonti.

L'ordine delle cose

Novità Aprile 2021 - Una raccolta di quadretti che descrivono le “cose”, in senso lato, della natura, dalla giraffa alle ostriche, dall’ippocampo alla pesca, alla mucca, alla formica, il pesce, la sabbia, il fuoco e via dicendo. Saggi filosofici e ragionamenti intervengono per rivelare all’uomo, al lettore, ciò che è il mondo degli esseri viventi senza di lui, di fargli conoscere, appunto, l’ordine delle cose. Lanciato da Albert Camus e Jean Cocteau, nel 1958 Brosse divenne famoso proprio con questo singolare testo, pubblicato con la prefazione del grande filosofo Gaston Bachelard, e che ricevette subito gli elogi del leggendario antropologo Claude Lévi-Strauss.

Con la presentazione di Mario Soldati

Prefazione di Gaston Bachelard

Indice Libro

Premessa
I Immagini virtuali e immagini reali
1. Gli appuntamenti mancati
II L’oggetto stesso
2. Eppure si muove
III Le vite parallele
3. della Pluralità dei mondi
IV La minore delle cose
4. Linguaggio, scienza e contemplazione
V Giacché bisogna chiamarlo con il suo nome
5. L’uomo disumanizzato
VI Il sognatore solitari

La fattoria biologica

Ristampa di un libro prezioso. Immaginate di ottenere raccolti senza coltivazione, né fertilizzanti chimici né diserbanti! Fukuoka ha imparato a non chiedere l'impossibile alla natura ed è stato ricambiato con raccolti incredibilmente abbondanti, intervenendo il meno possibile, riducendo i costi e le attrezzature e rifiutandosi di mettersi in gara con l'economia di mercato. In questo libro, Fukuoka svela i segreti della teoria e della pratica del lavoro con la natura e la maniera di vivere meglio grazie ad essa.

La magia delle piante

Questo libro, come molti altri pubblicati da Jacque Brosse, enciclopedista e poligrafo, nasce da un profondo amore verso gli alberi, le piante, la vita. Senza la magia della fotosintesi, grazie alla quale i vegetali utilizzano direttamente l’energia solare liberando l’ossigeno che respiriamo, noi non esisteremmo affatto. Partendo da questa semplice ma basilare constatazione, l’autore ci conduce in un viaggio affascinante dentro i segreti e i misteri dell’universo verde: dai licheni alle piante del deserto, dalla tundra alla macchia mediterranea, dalla foresta tropicale alla flora d’alta montagna. Con spirito curioso e meticoloso al tempo stesso, Brosse elenca virtù, prove scientifiche, del mondo vegetale. Particolarmente prezioso l’inventario che costituisce la seconda parte del testo, una sorta di repertorio enciclopedico delle specie più diverse, dal grano al prezzemolo, dalla mandragola al ginseng. Di fronte agli atteggiamenti distruttivi o, nel migliore dei casi, di stolida indifferenza verso le piante – che trovano peraltro riscontro, fa osservare Ippolito Pizzetti nella sua prefazione, nella “povertà di alberi” della nostra letteratura – questo libro è un invito a modificare profondamente i nostri rapporti con il mondo vegetale, alla scoperta delle radici stesse della vita.

La risposta dell'acqua

Con la sua scoperta, Masaru Emoto è riuscito a rendere visibile ciò che da sempre le persone particolarmente sensibili sapevano e gli omeopati utilizzavano da molto tempo: grazie alla fotografia dei cristalli d’acqua è ora evidente che l’acqua accoglie informazioni di tipo diversissimo – persino un pensiero influisce sull’acqua e la modifica. In questo libro, Masaru Emoto espone concezioni affascinanti. Illustra i risultati ai quali è giunto unendo le conquiste della ricerca scientifica più moderna con i risultati da lui stesso ottenuti in lunghi anni di ricerca personale sull’acqua. L’interesse principale di Emoto, quello al quale dedica tutte le sue energie, è il risanamento dell’acqua, dell’uomo e della terra. Le meravigliose fotografie dei cristalli d’acqua, specialmente quelle dell’amore e della gratitudine, ci indicano la strada e dimostrano come noi stessi, con i mezzi più semplici, possiamo agire in maniera creativa e risanatrice.

Le carte del drago immaginale

La via sciamanica oltre l'illusione e la paura. Ognuna delle 47 carte ci aiuta a creare il nostro futuro migliore, ci spiega uno specifico rituale sciamanico, ci spinge a superare gli ostacoli e ci supporta nel prendere decisioni importanti. Ogni carta è un’opera straordinaria di life coaching immaginale, è una meditazione da fare vivendo, una poesia dell’anima che scioglie i dubbi e le paure. Il presente libro racchiude un trionfo di forze che arrivano da una saggezza millenaria.

Come spiega Paolo Crimaldi nella prefazione, la potenza di questo nuovo volume di Selene Calloni Williams è la capacità di immergere il lettore nella dimensione creativa del simbolo. Attraverso la via sciamanica Calloni Williams – ormai indiscussa maestra di sciamanesimo a livello mondiale - riesce a individuare paradigmi culturali oppressivi e totalizzanti e a mostrare la strada ai lettori, pagina dopo pagina, per ritrovare il proprio spazio ed esercitare la propria libertà emotiva e di pensiero. Nel nostro vivere quotidiano siamo solitamente guidati da convenzioni e regole che uccidono lentamente ma inesorabilmente la nostra Anima. La spingono sempre più ai margini del nostro vero essere piegandola alla muta adesione degli stereotipi imposti dai modelli dominanti. Il risultato è l’ampliamento delle paure: la paura di mostrare il nostro vero io e in generale la paura di compiere le nostre libere scelte.

Lo sciamanismo è ancora oggi una delle pratiche di guarigione spirituale e fisica maggiormente efficaci e non solo in contesti culturali cosiddetti primitivi. Lo sciamano “è colui che libera l’uomo dalle reti del pensiero ossessivo, lo cura dalle sue paure, o con parole più semplici, lo rende libero, ricollocandolo all’interno della propria dimensione naturale”. Le carte del drago immaginale si collegano alla tradizione sciamanica di guarigione spirituale come nuovo strumento di pratica emozionale “che permette a chiunque desideri utilizzarlo di connettersi direttamente e immediatamente con la bellezza della vita, la potenza delle emozioni, la semplicità del cuore”. Un testo particolarmente utile a riconnettersi con se stessi e a favorire il proprio conoscersi. In più questo volume “è un vero e proprio inno alla libertà di poter essere se stessi, di vivere nel più totale e profondo universo emozionale che i simboli, di cui è costellata la nostra vita, amplificano e rendono vettore verso l’individuazione del Sé”.

Le carte del drago immaginale sono proprio lo strumento che chiunque può utilizzare per riconnettere se stesso alla dimensione simbolica-immaginale e sviluppare un percorso di crescita personale. Attraverso questa opera è possibile viaggiare oltre le barriere dei modelli precostituiti, sviluppare una coscienza personale che vada in direzione della formazione di una propria etica, della propria diversità esistenziale, per liberare quelle caratteristiche individuali che rendono ogni persona unica così come unica è ogni vita.

Indice Libro

Prefazione di Paolo Grimaldi
La lingua del Drago
Come usare le carte

Lo sguardo dell'anima

Il libro è il seguito, scritto 11 anni dopo, di In Viaggio con l’Arcangelo.

Al termine di quell’opera l’autrice era convinta che la sua fosse un’avventura spirituale personale, o condivisa da un gruppo limitato di persone. Ma nuovi incontri e nuove coincidenze, invece, le hanno fatto capire che tale esperienza era destinata a crescere e allargarsi come una marea montante negli anni a venire.
I due libri raccontano, quindi, lo svolgersi di una stessa vicenda, andrebbero letti l’uno dopo l’altro, come una storia a puntate, anche se l’autrice, all’inizio di questo secondo volume, fa comunque un rapido riassunto del precedente.
Lo sguardo dell’anima è essenzialmente un “diario di bordo”, una cronaca dei fatti scritta con rigore e ironia, il racconto di un percorso fatto di passi avanti e indietro, di ristagni e di rilanci, di perdita e ritrovamento di sentieri, insomma un itinerario scandito dall’imprevedibile, e per ciò fascinoso, battito della vita.
È la conferma che esiste una forza luminosa, mossa dall’amore intelligente, che guida e promuove l’evoluzione: l’Arcangelo Michele.

Meditare per "fare anima"

Meditazioni per "fare anima" - rispecchiandosi negli archetipi
Da millenni l’uomo, rispondendo all’esortazione “Conosci te stesso” scritta all’entrata del tempio di Delfi, è alla spasmodica ricerca della propria essenza, del proprio nucleo, in sostanza: dell’anima. Ma è una ricerca destinata all’insuccesso poiché l’anima non è data, l’anima bisogna “farla”. Se, come sostengono in particolare C.G. Jung e J. Hillman, la psiche è immagine, è interessante tentare di rispondere positivamente all’esortazione dell’oracolo di Delfi rispecchiandoci in una galleria di immagini archetipiche (ad esempio, la primavera, l’acqua, il maestro, il bacio, l’uovo cosmico ecc). Contemplandole potremo “fare anima”, compiendo un percorso che ci aiuti a recuperare i suoi frammenti intorno a un centro unitario.

Storie e leggende degli alberi

L'opera racconta la vita e l'amore per la natura. L'albero del bosco, quello da frutto cresciuto nell'orto botanico e gli arbusti nei nostri parchi hanno tutti una storia lunghissima che ha lasciato nel folklore tracce che presto svaniranno, perché stiamo perdendo il rispetto che i nostri antenati avevano per loro. Se vogliamo evitare il massacro che minaccia le nostre foreste, dobbiamo ritrovarlo. Il testo è nato perciò da una necessità che si fa ogni giorno più pressante: riconoscere il ruolo essenziale del verde nella vita della Terra, nella nostra e anche nel nostro inconscio. Rammentare e tramandare queste leggende, quindi le loro virtù, è il modo migliore per salvarli.

L'Autore elabora un’accattivante panoramica delle piante ad alto fusto, ad ognuna è dedicato un capitolo andando in ordine alfabetico dall'Abete al TiglioIn tutto sono circa cinquanta le specie raccontate attraverso le stagioni, le virtù curative,moltiplicando le diramazioni fino a toccare discipline differenti e tutte utili a raccontare il ciclo naturale e culturale di ogni albero: la biologia, la botanica, l’etnobotanica, storie e tradizioni popolari, leggende locali. L'Autore spinge il più a fondo possibile le radici storiche della sua ricerca. Opera dall’afflato ecologista che consegna al pubblico una lettura storica, linguistica, terapeutica, botanica e folkloristica di ogni pianta narrata. Con sapienza Jacques Brosse unisce al rigore scientifico la poeticità delle descrizioni e coniuga la seduzione del mito alla piacevolezza dell’aneddoto che si fa racconto, indagine, scoperta, iniziazione.

Le credenze nate attorno al mondo vegetale esprimono un’antica saggezza e quelle che si considerano superstizioni di solito sono i frammenti sparsi di una scienza antichissima – oggi confermata dalla biochimica – che nella saggezza popolare indicava con certezza quale pianta utilizzare per risolvere problemi di salute o dilemmi legati alla spiritualità. La riscoperta di tale credenza popolare può acquistare tutto il suo significato, e quindi la sua efficacia, solo se parallelamente si recuperano i principi loro sottesi. Fondati sul carattere sacro di ogni albero, tali principi costituivano un sistema coerente i cui elementi oggi dispersi sono i pezzi di un rompicapo che va ricomposto. Il presente saggio sugli alberi è stato scritto per rispondere all'urgenza di recupero e ricomposizione.

Con presentazione di Leonardo Sciascia

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design
Privacy Policy

edmed orange 70

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design
Privacy Policy

edmed orange 70