• Home
  • Le Chiavi della Filosofia Spagirica

Le Chiavi della Filosofia Spagirica

Sconto 15%
Titus Burckhardt ricorda nel suo Alchemie Sinn und Weltbild come nell'alchimia: "le due forze raffigurate sotto forma di serpenti o di draghi sono il sulphur e il mercurio, il loro modello macrocosmico consiste nei due movimenti crescenti e diminuentei descritti dall'orbita solare, separati dai sols ...Altre informazioni
€ 24,00€ 20,40


  • Specifiche
  • Scheda
  • Recensioni
  • Invia una recensione

Titus Burckhardt ricorda nel suo Alchemie Sinn und Weltbild come nell'alchimia: "le due forze raffigurate sotto forma di serpenti o di draghi sono il sulphur e il mercurio, il loro modello macrocosmico consiste nei due movimenti crescenti e diminuentei descritti dall'orbita solare, separati dai solstizi d'estate e d'inverno." Da un'osservazione di questo genere si può estrapolare, basandosi su testi classici - basterà ricordare per tutti l'Oeuvre secrete de la philosophie d'Hermes di Jean D'Espagnet - come la qualificazione e le coordinate intellettuali, ma anche e soprattutto religiose e sacrali dell'alchimia, si basino sulla qualificazione sacra della materia, basata però su una precedente quantificazione sperimentale. La cosmologia alchemica è quindi sempre sottomessa ad un'osservazione naturalistica la cui base è la ricerca di un'esperienza ottimale di composizione, discioglimento e ricomposizione della materia. Chi scrive ricorda nella sua nota postfattiva come si tratti di conoscere con accurata osservazione le modalità della materia e di capire in che maniera si possa spiegare la diversità apparente delle manifestazioni da un unico bipolare principio o da una quaternità di tipo aristotelico. Il termine "spagiria" attribuito da molti a Paracelso e comunque d'origine secentesca, riconduce l'alchimia alle sue origini prefigurandola prima della fable e connotandola come una conoscenza che non quantifica"intellettualmente" le note della propria osservazione, ma avverte l'invisibile - si badi non ineffabile - enigma della quantità trasformarsi in qualità. Le origini più antiche dell'alchimia si ripropongono nella spagiria, offrendo una koinè quanto più possibile desimbolizzata e nello stesso tempo costantemente metaforica. Il testo di Le Breton, finora mai pubblicato in italiano, si presenta ora in questa collana nella traduzione di Augusto Pancaldi e risulta essere uno specchio fedele ed esaustivo delle modalità spagiriche.

Le Breton
9788827207475
232
3 disegni
13,5x21,5
ALCHIMIA
filosofia, ermetismo
Recensioni dei lettori
Ancora nessuna recensione: manda tu la prima!
Devi essere registrato per inviare una recensione.
Effettua il Login nell'apposito modulo oppure Registrati come nuovo utente.

Copyright © Edizioni Mediterranee Srl - Via Flaminia, 109 - 00196 Roma - P.IVA 00878961002 - Design

edmed orange 70

 

Print Friendly, PDF & Email