EdizioniMediterranee Ribbon ScontoLarge

Apollonio di Tiana

Sconto 15%
€ 19,50€ 16,58 cad.
Mario Meunier
9788827221372
208
17X24
biografie

DESCRIZIONE

Mario Meunier in Apollonio di Tiana ha voluto rendere accessibile e fare rivivere con lo stesso spirito della sua pia leggenda, la curiosa e attraente figura di uno degli ultimi rappresentanti della sapienza antica e dell’ascetismo aristocratico e mistico del saggio di Samo, Pitagora. La storia della vita, dei viaggi e dei prodigi di Apollonio di Tiana ci è giunta soprattutto attraverso il racconto, in otto libri, che ci ha lasciato Filostrato (III secolo d.C.). La Vita di Apollonio sembra essere stata composta per incarnare in un uomo un ascetismo rigoroso, rari doni di chiaroveggenza, di guarigione e di divinazione, l’ideale stesso che ci si faceva allora di un pitagorico. Filostrato, in effetti, ha rappresentato il saggio di Tiana come l’erede della dottrina, della regola di vita e della scienza taumaturgica e mistica del divino Pitagora. Malgrado tutti i suoi difetti, il romanzo filosofico o, per essere più esatti, la vita romanzata di Apollonio di Tiana scritta da Filostrato, getta dunque la più viva luce sui costumi, le idee, le credenze di un secolo interessante; costituisce un documento di prim’ordine sull’ideale che si facevano, all’inizio del III secolo, del saggio e del santo le anime e i circoli che aspettavano la loro salvezza da un paganesimo purificato, da una rigenerazione spirituale delle tradizioni pitagoriche e da una comprensione più filosofica e più corretta delle dottrine, dei miti e dei riti delle religioni del passato. “L’anima è immortale; essa non ti appartiene, ma appartiene alla Provvidenza. Quando il corpo si è estinto, come un cavallo da corsa rapidamente liberato dai suoi legami, essa si slancia facilmente e sale a mischiarsi con l'aria pura e leggera, fuggendo dalla sua pesante e triste servitù. Il bene che questa sorte deve riservarti, tu lo conoscerai quando non ci sarai più. Perché allora cercare di saperlo, finché ti annoveri nel numero dei viventi?”

NOTE SULL'AUTORE

(1880-1963) Fin da giovane si appassiona allo studio del greco antico. Nel 1907 pubblica a Marsiglia la sua prima traduzione dell'Antigone e fonda la rivista Le feu. Dal 1912 al 1914 è segretario dello scultore Rodin che aiuta nella redazione del suo libro sulle cattedrali. Traduce Platone, Sofocle, Saffo, Nonno, Euripide, Pitagora, Ierocle, Proclo dando ai loro testi una giovinezza eterna. Scrive la vasta Légende dorée des Dieux et des Héros, in due tomi, poi Les Légendes épiques de la Grèce et de Rome, Récits sacrés de l'Ancien et du Nouveau Testament, e infine La Légende de Socrate. Nello stesso tempo collabora con Nouvelles Littéraires, Mercure de France, Figaro a molte grandi riviste francesi.

ALTRE RISORSE ONLINE

9788827221372

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità. Leggi le condizioni.