www.edizionimediterranee.net




Il carrello è vuoto.

   

 AMICHE E AMICI LETTORI, STIAMO APPORTANDO ALCUNE MODIFICHE TECNICHE AL SITO. PER UN PO' DI TEMPO NON SARÀ POSSIBILE ACCEDERE ALLA PROPRIA AREA E ALCUNE FUNZIONALITÀ NON SARANNO DISPONIBILI. CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO... MA STIAMO LAVORANDO ANCHE PER VOI!
Sei qui: Home Bookstore Alchimia Atalanta Fugiens
Decrease font size  Default font size  Increase font size 
PDF   Stampa   
Astrologia, Scienza SperimentaleAthanasius Kircher e l'Alchimia

Atalanta Fugiens
Visualizza Ingrandimento


Atalanta Fugiens

Autore: Michael Maier
Codice: MAI 05980/73
ISBN: 9788827207758
Pagine: 320
Illustrazioni:
Formato: 13,5x21,5
Tematiche: Alchimia
Argomenti: Ermetismo, musica
Prezzo: € 21,95


Chiedi un'informazione riguardo questo libro


DESCRIZIONE

A cura di Bruno Cerchio. "Ricevi dunque in un solo libro quattro specie di cose: composizioni allusive, poetiche, allegoriche; emblemi nel venereo rame incisi e di venerata grazia adorni; verità chimiche secretissime che l'intelligenza tua sonderà; infine musiche delle più rare: fà buon uso di ciò che t'è qui dato". Così Michael Maier, uno dei più significativi "operatori" ermetici dell'epoca rosicruciana, medico, filosofo e musicista presenta la sua "Atalanta Fugiens". E l'accorto lettore si renderà conto, col solo sfogliarlo, di come l'Atalanta si configuri quale testo di "traduzione" alchemica tutto teso a formulare, nella sua ampiezza, e per il suo invito ad una prima decifrazione estetica, un'opera di estremo equilibrio barocco. Questo perché in Maier il gusto ed il brivido spirituale della conoscenza ermetica si sposano felicemente ad una volontà ermeneutica che compara, giustapponendo, varie formule espressive. E saranno l'epigramma, l'incisione, la fuga musicale, i vari possibili gradini d'intendimento della "crisopeia". Gli epigrammi, ma soprattutto i discorsi che chiosandoli li accompagnano, sono tutti "ambientati", secondo la tendenza propria dell'epoca, a collegare il mito all'alchimia e, con essa, spiegarlo svelandolo, Maier disincantato lettore di miti, ne intravede il possibile, per lui certo, velame alchemico e ne propone, aprendo la strada ai futuri Pernety, l'ampia qualità e disponibilità analogica; facendo della mitologia greca una "metafora in divenire" che permetta una decifrazione reciproca alle tappe dell'"opera alchemica". Le incisioni, gli emblemi, opera di Merian, forse il massimo, il più noto senz'altro tra gli incisori alchemici, portano spessore immaginativo, ottico, al "sogno" della comprensione ermetica, operando con un modello iconologico d'indole, più che di data, barocca. Si tratta d'incisioni che, com'è d'uso nell'epoca, offrono una solida fedeltà al dettato dell'epigramma, traducendo obbedientemente in immagini, fotografando per così dire, la velata lettera del testo e non lo spirito intimo, lasciato all'arguzia caritatevolmente intellettiva del lettore. Ma a proporre "L'Atalanta" come mirabile compendio nel panorama alchimistico del tempo, panorama denso della temperie illuministico-utopistica del rosacrucianesimo, è l'apparato musicale che conforta il libro e ne fa un'opera unica e irripetuta. Si tratta di cinquanta fughe genialmente costruite sugli epigrammi, ricche di dottrina e di astuzie musicali, naturalmente coerenti e conseguenti alla descrizione epigrammatica e alle bellurie iconologiche degli emblemi. Bruno Cerchio che ha curato con amorosa inteligenza questa prima versione italiana dell'Atalanta ha anche trascritto con moderna notazione le fughe. Proprio questa insolita parte musicale può diventare approccio stimolante, comunque decisamente nuovo, per una lettura che ricordi come tutta l'espressione musicale possa proporsi come autorizzato ingresso ad una visione del mondo esoterica nel senso più ampio e meno sciatto del termine.

NOTE SULL'AUTORE


Michael Maier

Michael Maier (1568-1622) fu dottore di filosofia e medicina, alchimista, mistico e probabilmente membro della confraternita dei Rosacroce. Circa le sue origini, le fonti non sempre sono concordi. Alcuni ritengono fosse figlio di Joahnn Maier, un ufficiale del duca di Holstein. Altre fonti invece riportano che suo padre fosse un tale Petrus Maier, un orafo a servizio del governatore danese dello Schleswig Holstein. Un parente di sua madre, un medico ben conosciuto a Gdansk e Koenisberg, finanziò i suoi studi. Nel 1587 Michael Maier frequentò l'Università di Rostock, nel 1589 quella di Nuremberg, dal 1589 al 1591 fu a Padova e nel 1592 all'Università di Francoforte ove conseguì la Laurea in Lettere; nel 1596 all'Università di Bologna e nel 1596 all'Università di Basel, dove conseguì la Laurea in Medicina e Chimica. Non è dato sapere dove conseguì la Laurea in Filosofia. Terminati gli studi, continuò i suoi viaggi per l'Europa, mantenendosi grazie all'esercizio della professione medica e della chirurgia, oltre che dell'insegnamento. Pare che prima del 1600 fosse presso la corte di Rodolfo II, e scrivano nella Cancelleria Germanica. Nel 1601 cominciò la pratica medica presso il Whit Lion Inn a Gdansk, e nel 1608 tornò a Praga. Nel 1612 divenne medico ordinario al servizio di Rodolfo, ma la sua carica sembrerebbe essere stata onoraria, in quanto il suo nome non appare nei libri contabili del palazzo. Il suo stemma di famiglia fu reso nobile da Rodolfo, che lo nominò Hofpfalzgraf (Conte Palatino). Un incarico questo che assommava alla qualifica di ufficiale imperiale, la funzione di supervisione sulle Università, con la prerogativa di poter conferire dottorati e titoli post-accademici.

ALTRE RISORSE ONLINE





Recensioni Lettori:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.


Ultimo Aggiornamento: Thursday, 28 August 2014 01:01

Che cos'è PayPal