EdizioniMediterranee Ribbon ScontoLarge

I segreti dell'iconografia bizantina

Sconto 15%
€ 19,90€ 16,92 cad.
Anonimo
9788886495684
270
17x24
RELIGIONI, STORIA
Arte, Simbolismo

DESCRIZIONE

a cura di PierLuigi Zoccatelli

Vera rarità, questo manuale scritto nel corso di molti secoli da monaci ortodossi per i propri confratelli dediti alla pittura, vide le stampe per la prima volta a Parigi nel 1844 con una dedica del traduttore francese a Victor Hugo, «poëte des Orientales et des Feuilles d’automne». Le ragioni di un simile trattato sono bene sintetizzate da M. Diron nell’Introduzione: «In Grecia l’artista è schiavo del teologo; la sua opera, che copieranno i suoi successori, è stata copiata dai dipinti che l’hanno preceduto. L’artista greco è asservito alla tradizione come l’animale al suo istinto; crea una figura come la rondine il suo nido o l’ape l’alveare. Il pittore greco è un maestro dell’esecuzione; possiede l’arte, ma solamente l’arte: l’invenzione e l’ideazione appartengono ai padri ai teologi, alla Chiesa cattolica”. Gli appassionati di pittura bizantina e in particolare di iconografia cristiana troveranno dunque in questo libello, conservato gelosamente nei monasteri del monte Athos, le regole, codificate nel corso di secoli, per la corretta realizzazione di un’icona, e quindi per la prima volta avranno a disposizione gli strumenti per interpretare correttamente e per apprezzare completamente questo particolare tipo di produzione artistica. L’opera e quadripartita: nella prima sezione, pincipalmente tecnica, sono esposti i procedimenti pittorici impiegati dai greci, il modo di preparare pennelli e colori, di stendere l’intonaco per gli affreschi e i quadri, e di dipingere su tali supporti; nella seconda vengono descritti nel dettaglio, con una precisione degna di nota, i soggetti della simbolica, ma soprattutto la storia che la pittura può rappresentare; la terza parte determina in quale posto conviene collocare tal soggetto o tal personaggio, in una chiesa, in un atrio, un refettorio o vicino ad una fontana; un’appendice, infine, fissa le caratteristiche che devono avere il Cristo e la Vergine e riporta alcune delle più frequenti iscrizioni che abbondano nelle pitture bizantine.

NOTE SULL'AUTORE

ALTRE RISORSE ONLINE

9788886495684

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità. Leggi le condizioni.