EdizioniMediterranee Ribbon ScontoLarge

Elogio e difesa di Julius Evola

Sconto 15%
€ 12,91€ 10,97 cad.
Gianfranco De Turris
9788827204566
208
150 disegni
13,5x21,5
EVOLA

DESCRIZIONE

Il barone e i terroristi. Le prove documentate che Evola non è mai stato un "cattivo maestro". Ci sono stati eventulamente "cattivi discepoli" ed esegeti in mala fede. Julius Evola (1898-1974) a oltre vent’anni dalla scomparsa continua ad essere ancora l’ultimo tabù della cultura italiana, che pure tanti “eretici” – letterari, morali, ideologici – ha generosamente accolto nel suo seno. Pittore, poeta, filosofo transidealista, metafisico della civiltà, esoterista, ermetista, orientalista, autore infine di opere di metapolitica, sessuologia e orientamenti esistenziali, apprezzato da noti specialisti italiani e stranieri, tradotti in una dozzina di lingue, per lui vale il detto “nemo propheta in patria”. In Italia, infatti; l’intellighenzia dominante è solita rammentarne solo certi aspetti che si ritengono negativi – ma che non valgono per altre personalità – al fine esclusivo di ignorarlo, squalificarlo e demonizzarlo. Ciò non impedisce affatto che la sua “visione del mondo” sia sempre più diffusa e nota. Una delle accuse più pesanti e più false è quella di essere stato il “cattivo maestro” di varie generazioni di giovani: all’inizio degli anni Cinquanta di coloro che poi vennero coinvolti nel cosiddetto “processo dei FAR”; quindi, post mortem, di coloro che alla fine degli anni Settanta si resero protagonisti del cosiddetto “terrorismo nero”. L’accusa, nata in ambienti intellettuali ben precisi, è stata poi ripresa e ampliata per un quindicennio da sociologi e politologi sia “di sinistra” come “di destra”, divenendo uno dei quei luoghi comuni che il giornalismo orecchiante riprende aprioristicamente. In questo libro- a metà strada fra il saggio storico e il pamphlet, la cronaca e l’indagine politica – Gianfranco de Turris ripercorre l’attività metapolitica di Julius Evola dal 1948 al 1974 spiegandone gli scopi e le modalità, i fini e le intenzioni, basadosi sui suoi scritti (libri, articoli, interviste) per lo più rari e dimenticati, oppure noti ma volutamente trascurati, e ricorrendo a molte testimonianze edite e inedite di chi visse in quei due periodi. In tal modo smonta pezzo per pezzo, citazione per citazione, l’inconsistente castello accusatorio messo su dal 1979 ad oggi, dimostrando che non è mai esistito un “cattivo maestro”, bensì, eventualmente, dei “cattivi discepoli” e per certo dei “cattivi esegeti”. Ne emerge il ritratto a tutto tondo di un pensatore che, in un “mondo di rovine”, aveva inteso; in buona fede, suscitare una “rivoluzione spirituale” facendo riferimento a quei valori perenni dai quali, al di là della contingenza storica, non si era mai allontanato. Da qui il titolo di questo libro: non solo difesa dalle false accuse, ma anche elogio di un pensatore anticonformista.

NOTE SULL'AUTORE

Gianfranco de Turris, giornalista e scrittore, ha lavorato nella redazione culturale del Giornale Radio della RAI. Ha pubblicato 15 libri, divisi fra la letteratura dell'Immaginario e la critica culturale e di costume. Ha curato l'edizione italiana di diverse centinaia di libri. Per le Edizioni Mediterranee dirige le collane "La Biblioteca dei Misteri" e "Opere di Julius Evola".

ALTRE RISORSE ONLINE

9788827204566

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità. Leggi le condizioni.